<<< BACK BIOGRAPHY



Malena Mazza.
Quasi un autoritratto

La fotografia d’autore è spesso lo specchio della società. La fotografia può assomigliare a uno strumento di perfetta misurazione: un sismografo in grado
di registrare le paure, le contraddizioni, i desideri e i segreti racchiusi in ognuno di noi.
Superata la divisione in generi specialistici, la fotografia dividersi tra bisogno di performance e necessità di narrazione. La prima ci porta verso lo
spettacolo e l’intrattenimento, inseguendo le logiche dell’arte contemporanea. La seconda ricalca il senso e il significato della Storia e ci accompagna a vivere un’avventura di cui, non sempre, se ne sconosce il destino.

Tra le due strade uno spiraglio. Quello occupato dalla produzione, coraggiosa e coerente di Malena Mazza. Un fare creativo sganciato che riflette sui luoghi comuni e che mette in primo piano un agire quasi privato. Oserei dire domestico, intimo, come può esserlo, per certi versi, solo un elegantissimo album di famiglia.

Quelle di Malena Mazza sono immagini mentali. la scena è sempre ricostruita.
Voluta. Cercata. Addomesticata. E al centro di quel palcoscenico c’è sempre una donna. Una donna provocante e consapevole del proprio corpo, che sembra mettere da parte il peso della memoria. Una donna capace di intrecciare storie profonde e comunque facili da ricordare.

Lo sguardo di Malena si appoggia al filo sottile della trama di un film, ma la citazione resta sotto traccia. Ciò che emerge è un sentimento di cambiamento. Il senso, se necessario, può essere dato dalla centralità del punto di vista. Dalla morbidezza delle forme dei volti, dalle sfumature e dalle continue dissolvenze interiori. Quella donna sfugge. Impossibile definire il contesto.
Malena sembra muoversi nelle sue fotografie. Si specchia e ci organizza pezzi di vita. Non è interessata alla verosimiglianza e dentro ogni scatto viene ricostruito lo sviluppo armonico del suo pensiero: doppio, parallelo, energico e coinvolgente.

Immagini che appaiono e scompaiono di continuo.
Nella loro magnificamarginalità, esistono e si fanno autoritratto.

Guarda il Video

© Malena Mazza + 39 393 1251411
Privacy Policy
Follow us: